Consulente del Benessere Distributore Indipendente Herbalife Cristina Leuzzi

Leggi tutte le testimonianze Herbalife sul mio sito www.dietahlife.com

venerdì 12 novembre 2010

Saltate la colazione? Attenti al cuore

NON SOLO QUESTIONE DI PESO

Saltate la colazione? Attenti al cuore

Chi non dedica tempo e calorie al primo pasto del giorno rischia di ammalarsi nel lungo periodo, anche di diabete

MILANO - Il mattino ha l’oro in bocca e possibilmente anche una bella tazza di latte e di caffè, qualche biscotto, magari un frutto. Al di là dei gusti personali, l’importante è dedicare tempo e calorie a nutrire il nostro corpo a ogni risveglio. Non solo, come professano da sempre dietologi e nutrizionisti, per dimagrire meglio e immagazzinare energie per affrontare la giornata, ma anche per scongiurare problemi più gravi, come attacchi di cuore o diabete.

I DATI - Uno studio svolto in Tasmania dal Menzies Research Institute e pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition sostiene infatti che saltare la colazione per tutta la vita porti a un aumento di rischio di attacchi di cuore e diabete, legittimando uno dei consigli più condivisi dai medici e dalla nonna, ovvero che la prima colazione è il pasto più importante della giornata. Gli studiosi hanno analizzato circa duemila persone, indagando sulle loro abitudini alimentari a partire dalla giovane età e raccogliendo i dati rilasciati da varie ricerche australiane e della Tasmania negli ultimi 20 anni. I risultati mostrano come chi ha saltato il pasto sia da bambino sia da adulto, corra rischi maggiori rispetto invece a chi la colazione abbondante l’ha sempre fatta, già nei primi anni di vita.

I RISCHI - Questo perché nel caso di chi non fa colazione e non l’ha fatta a lungo sarebbero percentualmente più alti i livelli di insulina monitorati a digiuno; la circonferenza della vita risulterebbe più estesa; aumenterebbero anche i livelli di colesterolo Ldl (quello comunemente chiamato "colesterolo cattivo") e del colesterolo totale nel sangue, tutti fattori che insieme tracciano il profilo di pazienti ad alto rischio di infarti o di diabete. Per abbassare i livelli di rischio, è bene iniziare a mangiare (sano) già dal primo mattino e, come consigliano i professori che hanno guidato lo studio tasmano-australiano, inculcare nei più giovani la cultura della ricca colazione, dando loro il buon esempio.
Eva Perasso
11 novembre 2010

PER INFORMAZIONI E PER ACQUISTARE LA COLAZIONE IDEALE
VISITA http://www.colazioneideale.it/